Polar: mi hai stancato

Diciamocelo, ormai il Polar M430 è diventato inguardabile rispetto alla concorrenza degli smartwatch da runner. 2 anni sono passati dalla sua uscita, ma esteticamente parlando sembrano un’eternità.

Il display in bianco e nero e la forma rettangolare ha ormai segnato il suo tempo.
Devo essere sincero, in 2 anni mi ha servito veramente bene: considerando che nell’ultimo anno faccio almeno 4 sessioni al giorno di ciclismo, non posso chiedergli di più.

Ultimamente però, complice le temperature rigide dell’inverno padano, la parte cardio integrata nell’orologio sta facendo le bizze.

Come potete vedere dal grafico qui sotto, estratto dall’ultima mia corsa di ieri sera, la parte cardio sembra intestardirsi su certe frequenze cardiache, per poi resettarsi ad un certo punto creando dei picchi: parliamo di 20 battiti, non bruscolini!

Stessa cosa anche in questa traccia della settimana scorsa, semplicemente al contrario.

A questo punto sono veramente tentato ad abbandonare definitivamente Polar dopo 3 anni per passare a Garmin, dato che del Polar Vantage sento peste e corna sui vari forum.

Voi che ne pensate?

Ho creato anche un sondaggio su running forum in merito: https://www.runningforum.it/viewtopic.php?p=2354647#p2354647

Corsette domenicali: proviamo a non buttare plastica

Oggi ce l’ho un po’con il mondo intero per un non ben precisato motivo. Capita, capita a tutti. È in questi giorni però che cerco di tramutare un po’ di negatività in qualcosa di utile.

Me ne stavo li, in mezzo alla strada alle 8 di sera a correre, con la pioggia in testa e mi chiedevo, ma è mai possibile che alle garette di paese si consumi così tanta plastica per i bicchieri nei ristori?

Quindi ho partorito questa semplice idea: chi partecipa alle garette, se vuole bere, si porta il bicchiere da casa.

Esempio, 2 euro su Amazon e passa la paura

Ora dopo gli insulti che mi state tirando, veniamo a rispondere alle vostre domande:

1) Ma se vengo alla garetta e non lo sapevo di sta regola che faccio? Semplice, al tavolo delle iscrizioni, al costo di 2 euro in più, ti vendono IL TUO BICCHIERE PERSONALE PIEGHEVOLE ™

2) Ma come!? Devo fermarmi 3 secondi a farmi riempire il bicchiere e così facendo non riuscirò a battere il mio PR su strava della mezza maratona!?!?#&$¥ Svegliati, stai correndo un cacchio di garetta di paese, che cacchio te ne frega del tuo tempino del menga?

3) Ma non voglio portarmi in giro un bicchiere per tutta la corsa, e’ scomodissimo!!?!?€&*#!! Signori vedo gente con tutto e di più addosso nelle garette: portare un cacchio di bicchiere legato al polso, o addirittura nel taschino del gilet non credo vi faccia sprecare molte energie.

Se siete arrivati fin qua, significa che o siete messi peggio di me, oppure che la mia idea non è così malsana. Quindi quello che propongo è che ognuno, nel proprio piccolo, cerchi di propagandare questa piccola idea all’interno del proprio gruppo di corsa, sperando,un giorno, di partecipare ad una garetta #bicchierinofree

Modenacorre e reggiocorre come trovare le VOSTRE foto

Se siete runner “fashion” emiliani (ma non solo) e siete stanchi di cercare le vostre foto nel sito modenacorre.it e reggiocorre.it, beh ragazzi oggi ho la soluzione che fa per voi!

Ho creato questo simpatico script in python ( https://github.com/cagnulein/runcolor ) che, una volta indirizzato sull’album da scansionare ( esempio http://www.reggiocorre.it/showg.aspx?aid=10659 ), vi troverà all’interno delle foto! O meglio, in realtà troverà immagini con un sacco di pixel del colore selezionato.

Non vi siete mai chiesti perchè i runner portano abbigliamenti sgargianti? Beh ora avete la risposta: per favorire la ricerca di se stessi con script in python!

Stavo pensando se generalizzare la cosa creando una pagina web con nodejs, se pensate vi possa essere comodo, donatemi una birra e farò in modo che il vostro sogno diventi realtà!

Sotto un piccolo esempio di runner “fashion” 😀