Uniamo tutti i vari dispositivi sotto un unico nome: PROXMOX

Premessa

La mia campagna di riorganizzazione della rete domestica continua: dopo aver cablato tutta casa, installato ddwrt su una mitica fonera, ripristinato un fantasmagorico EEEPC 701, oggi è venuta l’ora di unificare tutti i device sotto un hypervisor: PROXMOX.

La scoperta

Proxmox, per chi non lo conoscesse, è un ambiente di virtualizzazione server open source basato su Debian. Diciamo che è il fratello opensource di VMware ESXi o VShere.

Passi per la virtualizzazione

Quello che ho fatto dunque è stato questo:

  1. ho preso il mio bel serverino di più di 10 anni (AMD Phenom  II X4 965 con 8 GB di ram), e ho usato clonezilla per backuppare l’attuale versione di ubuntu server;
  2. ho preso poi la iso di Proxmox e l’ho scritta con l’aiuto di balenaEtcher su una chiavetta USB;
  3. una volta installato Proxmox (non senza difficoltà) ho iniziato a creare le mie macchine virtuali, partendo appunto dal ripristino della mia ubuntu server;
  4. ho quindi creato una VM partendo dalla ISO di clonezilla, e ho quindi ripristinato l’immagine, tornando in sostanza al punto di partenza, ma finalmente con un sistema di hypervisor che mi consentirà di aggiornare la mia LAN senza dover aggiungere ogni volta dispositivi.

L’appetito vien mangiando

A questo punto, l’appetito vien mangiando e ho spostato i vari servizi di OpenWRT e PiHole su due VM separate, in modo da avere tutto su un unico hardware ben backuppato e manutenibile con facilità.

Firestick e non solo

L’ulteriore figata che ne deriva, è che posso accedere a tutte le VM su qualsiasi PC/MAC/coso tecnologico in qualsiasi parte del mondo: un esempio? Chi di voi non ha una Firestick?

Bene, sulla firestick è possibile installare VNC e avere il proprio PC virtualizzato direttamente sulla TV! Per tastiera e mouse ho utilizzato questa simpatica tastiera bluetooth, che, senza nessun hardware aggiuntivo, viene vista dalle firestick.

Inoltre, l’appetito vien mangiando, e quale miglior utilizzo di VNC di un bel tablet cinese? Vi aggiungo un paio di foto che fa sempre figo

One thought on “Uniamo tutti i vari dispositivi sotto un unico nome: PROXMOX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The maximum upload file size: 30 MB.
You can upload: image, audio, video, document, spreadsheet, interactive, text, archive, code, other.
Links to YouTube, Facebook, Twitter and other services inserted in the comment text will be automatically embedded.